La cometa di Gianni, la scia di Cristiana: Buon Natale 2009

 

LA COMETA

 

lo sono la cometa

 

di Natale.

 

Da duemilanove anni

 

ardo nel firmamento;

 

illumino i presepi;

 

mi poso sulle punte degli abeti;

 

prometto pace alla terra

 

e doni ai bimbi buoni…

 

Ma voi mi fate certe confusioni!

 

Un giorno senza guerra

 

ancora non l’ho veduto…

 

e quanto ai doni, perché

 

qualcuno rimane senza?

 

Con tutta la vostra scienza

 

non avete ancora scoperto

 

che di bimbi cattivi non ce n’è.

 

(Gianni Rodari)

cometa2.jpg

 

LA SCIA

Voglio seguire non la scia,

ma il consiglio di questa giudiziosa Cometa

voglio portare con me doni di Natale

ai bambini che non ne hanno ricevuti

né ne hanno da scartare

Voglio vedere davvero come nasce la Luce

Voglio sentire come nasce un amore

come un gelo si scioglie

Voglio vedere come nasce un sorriso

 capire come trova casa nel cuore

una fanciulla fiducia

e un’adulta profferta d’amore

Voglio dire  a tutti di non pensare

ai propri  figli soltanto

o ai propri nipoti

ma ai figli del mondo

e moltiplicare non le parole

ma le dimensioni del  cuore

Voglio sentire

come questo mio muscolo

diventi un elastico d’affetto

e s’apra all’amore

e all’accoglienza

Voglio renderlo un luogo 

senza confini, senza barriere

un luogo migliore

di ciò che già era

Non protestiamo soltanto

 per i misfatti del mondo

Non illudiamoci

di poterlo cambiare

Iniziamo da noi solamente

per questo Natale

Non attendiamo soltanto la Pace

cerchiamola in noi

facciamola con chi più ci è vicino

cerchiamo chi c’era lontano

Questo forse è tutto

quel che possiamo!

Se tutti però,

te, io e lui (perchè no?)

se sei miliardi di uomini

facessero questo

in un unico istante

per tutti i loro bambini

nel  presepio del prossimo Natale

nessuna Cometa,

buon Gianni,

 più si lamenterebbe

 dei nostri fin troppo

umani danni

Cristiana Cirilli

 

 

COMUNICAZIONE

Buon Natale a tutti voi cari amici e a quanti passeranno di qui nei mesi di Dicembre e Gennaio

Non è solo una poesia, ma è davvero la mia vita quel che c’è in questo particolarissimo augurio di Natale.

E se la cometa lascerà la scia nel mio blog fino a Febbraio al mio posto è perchè davvero ora la vita è poesia.

Vorrei poter augurare un Buon Natale a ciascuno di voi e rispondere agli auguri che nei prossimi giorni molti di voi mi rivolgeranno, ma davvero sarò nell’impossibilità materiale di farlo.

Mandatemi tuttavia i vostri auguri, probabilmente anche se non potrò leggerli, sono certa che in qualche modo nel profondo del cuore mi arriveranno lo stesso. I miei, quelli che conservo nell’intimo per ciascuno di voi, vi staranno accanto riservati e sinceri come ogni parola di cui sono capace.

Solo li precederà una cometa e forse saranno sottintesi, ma  vi assicuro che la sua scia, se avrete fiducia in me non mancherà di farsi di nuovo vedere, a suo tempo, quando non sembrerà più il tempo delle comete, questa scia illuminerà di nuovo il cielo, perchè io mi farò regalare una sua scintilla,  che pure oggi da sola fa già tanta luce.

E con la Luce nel cuore, il mio augurio è che anche il vostro sia un Natale di Luce.

Non appena potrò seguirò la scia della saggia Cometa e verrò da ciascuno di voi.

Natale sarà forse già un ricordo, forse la Cometa sarà tornata ad essere per tutti solo un astro, un ammasso gassoso e disordinato, che vagabonda per l’infinito, ma la Luce della Cometa, quella, conservatela almeno fino ad allora dentro. Ve la consegno. Custoditela per voi e per me.

Io farò altrettanto con il vostro affetto.

Cristiana

 

ARRIVEDERCI

 

NB. Ovviamente i diritti sulle parole, come quelli sui propri sentimenti, restano comunque riservati.

Come regalo Natalizio offro il più sincero affetto

La cometa di Gianni, la scia di Cristiana: Buon Natale 2009ultima modifica: 2009-12-11T21:03:00+00:00da criscir
Reposta per primo quest’articolo

54 pensieri su “La cometa di Gianni, la scia di Cristiana: Buon Natale 2009

  1. E’ facile lamentarsi perchè le cose nel mondo non vanno più bene, ma chiediamoci:- noi cosa facciamo affinchè il mondo possa migliorare ???… poco se non ci mettiamo in tesa che, per potere cambiare le cose, occorre cominciare a lavorare prima su noi stessi, nel proprio piccolo, perchè per arrivare a sei miliardi di persone occorre sempre iniziare da uno, e facciamo si che quell’uno una volta tanto siamo noi.

    Grazie Cristiana per questa tua scia di luce che ci conduce direttamente al Natale, ma che non si spegnerà con esso,perchè rimarrà luminosa fino al tuo ritorno qui sul blog.

    Un abbraccio!

  2. Ognuno di noi potrebbe migliorarsi, ma sembra sempre che la parte nera di noi tutti predomini su quella dolce e buona…anche se io credo sempre che non sia davvero così, tutti siamo buoni e basta riuscire a capire quale via percorrere.
    Buone feste Cristiana, a presto.

  3. Cara piccina, ti lascio le strofe di Pascoli che mio padre mi fece imparare per Natale ormai sessant’anni orsono. Tralascio la prima parte della poesia, per evidenziare le parole che mi sono entrate di più nel cuore.. Per te, Anna
    …….(omissis)….

    …suono di chiesa, suono di chiostro,
    suono di casa, suono di culla,
    suono di mamma, suono del nostro
    dolce e passato pianger di nulla.

    O ciaramelle degli anni primi,
    d’avanti il giorno, d’avanti il vero,
    or che le stelle son là sublimi,
    conscie del nostro breve mistero;

    che non ancora si pensa al pane,
    che non ancora s’accende il fuoco;
    prima del grido delle campane
    fateci dunque piangere un poco.

    Non più di nulla, sì di qualcosa,
    di tante cose! Ma il cuor lo vuole.
    quel pianto grande che poi riposa
    quel gran dolore che poi non duole;

    sopra le nuove pene sue vere
    vuol quei singulti senza ragione:
    sul suo martoro, sul suo piacere,
    vuol quelle antiche, lagrime buone!

  4. Cara Cristiana, bella poesia la tua, molto più bella di quella di Rodari, che pure mi è piaciuta assai.
    Nei tuoi versi ci sono tante perle preziose, ti riporto quella
    che forse mi ha colpito di più col suo splendore:
    “Voglio dire a tutti di non pensare

    ai propri figli soltanto

    o ai propri nipoti

    ma ai figli del mondo”.
    Auguri di buon Natale e di buon 2010.

  5. Chissà mai dove andrai e dove sarai mia cara amica, ma dici che ora la vita è poesia, quindi immagino per te giorni lieti e ne sono lieta anch’io.
    Non perderti e non perderci…
    Io da parte mia, posso solo lasciarti un augurio di pace, amore e poesia, che accompagni i tuoi giorni.
    Buon Natale carissima,
    Ros

  6. Buon Natale
    che sia ricco di tante Sorprese
    Buon nuovo anno
    che ogni giorno
    possa regalarti…
    … nuove e meravigliose Emozioni

    Auguri Sempre
    per ogni sogno che realizzerai,
    per ogni sorriso che ti sarà donato,
    per ogni bacio che ti scalderà il cuore…

    Ciao da Giuseppe.

  7. Ci siamo quasi Cristiana, anche quest’anno sta per andare via e sarà depositato nel nostro cassetto dei ricordi con tutte le sue gioie e purtroppo anche con i suoi dolori…. si spera che quello nuovo porti solo tanta pace e serenità.

    Un abbraccio!

  8. Ti chiedo scusa se arrivo solo oggi ad augurarti un dono di serenità in queste festività…
    Il mio natale è stato speciale.. un po’ doloroso…
    l’amare nella gratuità è poggiare la tenda della solidarietà
    nelle periferie dell’essere di ciascuno
    condividendone gli echi di ogni grido di liberazione!
    Auguri a te e alla tua famiglia!

  9. Ritorno dai confini del mondo portando quanto dipiù bello può concepire l’essere umano.
    Passerò da tutti pian piano.
    Non sono ancora nella possibilità di riprendere la normale vita del blog…nè credo lo sarò ancora per molto, ma la felicità costa sacrifici…
    Vi abbraccio
    Cristiana

  10. come sono felice di averti riletta, molto felice come spero tu sia insieme alla tua famiglia.
    Nel mio piccolo paese è arrivato un principino russo in una famiglia di conoscenti e così in questo periodo ho pensato molto alla principessa bionda…Un bacione enorme e un abbraccio e anche io ti porto sempre nel cuore. Mandi Cris e grazie di essere passata.

Lascia un commento