Un augurio per un’autentica Pasqua di Resurrezione

    Non è facile lasciare andare qualcuno, non è facile lasciare che la fatalità si porti via la vita e non è facile vedere in questa sorte  un disegno divino. Non è facile capire. Forse non è nemmeno necessario. Ora che i morti se ne sono andati, ora che il rito collettivo del saluto definitivo si è consumato, non è più … Continua a leggere

Meglio una pace, anche se imbelletata

  Sulla pace si può far retorica, tuttavia non era questo l’intento del post di ieri cui rimando chi passasse solo oggi. Non era uno degli ennesimi post sulla pace. La scelta delle frasi fra le molte possibili non è stata casuale. Ho scelto frasi che coinvolgessero l’individuo in prima persona, perchè ciascuno di noi si renda conto che questo … Continua a leggere

Un sorriso per un anno

         Tu metti il mondo un bel posto dicono tu metti che ero un bambino che voleva giocare tu metti che un giorno hanno detto ai miei che stavo male tu metti che era buio e freddo intorno ma …tu mettici un sorriso… una speranza e una preghiera ogni volta che me ne ricorderò  da grande diventerà un … Continua a leggere

L’appello di un pesce rosso

Eccolo qua attento alla boccia Coda alta, massima attenzione, sguardo ipnotico  Il pesce rosso c’è ma non si vede lui vive la sua vita ignaro dello sguardo del gatto, nuota sopra le false piante dentro alla sua boccia come fanno i suoi simili nell’Oceano Il gatto non lo perde di vista La faccia tonda, tanto grossa,da occupare l’intero universo del … Continua a leggere

Otto marzo: lettera di una donna a Mr. Johnson

      Hey Mr. Johnson hai bruciato 129 vite e centotrentesima sono qua, Mr. Johnson Non volevano essere schiave non ne volevano proprio sapere quell’inverno del 1908 Mr. Johnson dei tuoi sporchi affari del tuo tornaconto del tuo maledetto opificio. Streghe quelle donne Al rogo, al rogo L’Inquistore – la tua coscienza – non ha esitato Ribelli le  hai brucitate come … Continua a leggere